Archivi tag: xenofobia

A San Valentino ogni scherzo vale

Immagine

Lo sapevate?? L’omofobia è una paura e un’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità e di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali (GLBT), basata sul pregiudizio e analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo.

Chi lo dice?? Noi 🙂 o meglio i nostri rappresentanti al Parlamento europeo (2006!), mentre in Italia si lavoricchia (2013/2014) ad una legge anti-omofobia/razzismo un po’ a casaccio, perché se no pare brutto, che lascia scontenti un po’ tutti… Vedi quaqua – per i primi commenti – e qua, qua e addirittura qua 😉  – per il dopo-approvazione alla camera).

Nel frattempo l’Europa rilancia (2014, perché chi dorme i pesci li prende solo in faccia :-P), chiedendo “non solo una legge penale contro i crimini d’odio e norme per  il riconoscimento delle coppie omosessuali: la gamma di azioni che l’Europa, attraverso il rapporto Lunacek, ci chiede di mettere in campo in tema di diritti lgbti è vasta  e spazia negli ambiti più diversi, dal lavoro, alla scuola, ai servizi, al diritto d’asilo” (Arcigay).

Per chi voglia capirne di più, ecco il testo ufficiale in italiano del Parlamento Europeo, e qualche delucidazione in più direttamente sul sito di Lunacek.

Sapevatelo!

P.S. questa vignetta è offerta da me (aggratis) e supportata da Peacelink, sotto forma di interessante riflessione, che trovate qui.

Settling down

L’Italia è bella. Anche l’Olanda è bella.

L’Italia è affusolata. L’Olanda è raccolta.

L’Italia è calorosa. L’Olanda è accogliente.

L’Italia è calda. L’Olanda è umida.

L’Italia si sta nuclearizzando. L’Olanda sta dismettendo il suo unico impianto nucleare.

Guardando uno stesso quadro, ognuno coglie sfumature diverse suggerite dalle proprie inclinazioni o sensibilità.

L’Olanda mi ha accolto. Con gradevole gentilezza, con efficiente professionalità, con sorridenti attenzioni, come da costume nordico.

Certo, i colleghi o i vicini olandesi sono estremamente sfuggevoli e i rapporti si interrompono non appena è finito il ruolo di “soccorritore” per lo straniero smarrito, ma la cosa non mi spaventa affatto: con le chiavi giuste e un’opportuna dose di pazienza queste piccole porticine possono essere agevolmente superate.

via corrotta - cartelli stradali divertenti

Una settimana dopo essere tornato in Italia, dopo la mia precedente esperienza all’estero, mi sono imbattuto in questo inquietante incrocio.  Ho conservato questa bizzarra foto in attesa di poterla pubblicare con l’amara soddisfazione di non aver ceduto e di aver scelto l’unica alternativa possibile per vivere una vita fatta di soddisfazione professionale e privata.

Adesso posso mostrare orgogliosamente la via che ho deciso di percorrere, piana, spaziosa, sicura, rasserenante:

strada olandese

Non sono affatto pentito della mia scelta e non credo che lo sarò in futuro. Per il momento, l’Olanda è un’ottima patria adottiva. Spero di convincere, con i miei futuri post, chi, ancora titubante, non trova la forza di fare il grande passo ma sa già, dentro di sè, che il suo destino è fuori dall’Italia…

Per il momento, saluto tutti e vado a letto! Cercherò di essere più solerte nell’aggiornamento del blog d’ora in poi 🙂

PS: capita a proposito l’articolo di ieri di Gian Antonio Stella, che mi ricorda ciò che un’amica senegalese, laureata in Francia, mi ha raccontato a pranzo con un leggero quanto gradevole accento francese: “Quando ho saputo che prima di entare nel Marie Curie [progetto europeo di mobilità post-dottorato, n.d.b.] avrei dovuto passare 5 mesi in Italia ho avuto davvero tanta paura…“. E come darle torto? I senegalesi sono neri…

PPS: n.d.b = nota del blogger 😉

W i zingari!

Omaggio a Gentilini

L’omaggio è dovuto a questo filmato che qualche tempo fa ha fatto il giro del mondo e ha fatto sì che il 14 settembre 2008  la Procura di Venezia aprisse un fascicolo con l’ipotesi di reato di istigazione all’odio razziale.

Ecco un piccolo estratto del discorso:

Popolo della Lega!!

Il decalogo dello sceriffo d’Italia numero 1 dice: “RIVOLUZIONEEE” . Voglio la rivoluzione contro gli extra-comunitari clandestini. Voglio la pulizia dalle strade di tutte queste etnie che distruggono il nostro paese. voglio la rivoluzione nei confronti dei nomadi, DEI zingariii.. Ho distrutto due campi di nomadi. […] Voglio eliminare tutti i bambini DEI zingari che vanno a rubare dagli anziani… voglio tolleranza a doppio zerooo…

Voglio la rivoluzione nei confronti della prostituzione…. […] Voglio la rivoluzione contro quelli che vogliono aprire le moschee e i centri islamici. e qui ci sono anche le gerarchie ecclesiastiche che dicono: “lasciamoli pregare”. No!!! Vanno a pregare nei desertiiiii! […] Bastaaaaaa Ho scritto anche al Papa:” Basta Islamici, che tornino nei loro paesi”. Voglio la rivoluzione contro la magistratura […] Voglio la rivoluzione  nei confronti di coloro che vogliono dare i dare i sussidi agli anziani degli extracomunitari […]

Non voglio vedere consiglieri neri, gialli, marroni e grigi insegnare ai nostri giovani […]

Da notare come su quel palco, poco prima o poco dopo (non ricordo),  sono saliti anche Bossi e Maroni.

gentilini_duce

Gentilini, che è stato due volte Sindaco di Treviso ed attualmente ricopre la carica di  vice-sindaco, è famoso anche per altre luminose dichiarazioni, quali l’auspicata “pulizia etnica per i culattoni“:

Le sue poderose capacità di pensiero sono anche ben riassunte in questa difesa del cane italiano dall’invasione delle razze  straniere che non rispettano la natura:

Quest’ultimo video, sebbene molto meno grave dei precedenti come entità delle affermazioni, mi ha fatto temere che in quest’uomo non ci sia solo ignoranza, maleducazione e paura, bensì qualcosa di più pericoloso. E una persona che ha questo tipo di fobie o altri disturbi psichici non è certo una persona adatta a governare una città o a fare il leader politico.

L’istinto

Mentre giustamente ci si sbraccia per le vittime del terremoto in Abruzzo e gli sfollati, nel resto d’Italia la vita scorre normale e il vero volto del Paese viene fuori.
Riporto un articolo del Corriere che mostra l’inciviltà italiana e spiega perchè siamo biasimati per le condizioni in cui “teniamo” ROM ed extracomunitari “assortiti”…

La direzione degli Spedali Civili si difende così: “Nel caso specifico è stata una guardia giurata a chiamare la polizia dopo che l’uomo si era rifiutato di lasciare l’ospedale“.

In attesa di avere altre notizie, se mai si avranno, mi sto chiedendo: ma perchè l’uomo, che era in attesa del suo turno dopo aver pagato il ticket, è stato invitato ad allontanarsi? Come ha fatto una guardia giurata a capire che era un clandestino?

Forse dal colore…

foto da notizie.tiscali

In ospedale per il mal di denti
Espulso un senegalese

La storia di Maccan Ba, clandestino 32enne. La direzione degli Spedali Civili respinge qualsiasi accusa

BRESCIA—Espulso per un mal di denti. E dire che Maccan Ba, senegalese di 32 anni, clandestino, in ospedale non ci voleva proprio andare. Ma dopo 4 giorni senza dormire e mangiare a causa del dolore, non ce l’ha fatta più ed è corso agli Spedali Civili. Ha pagato il ticket e si è messo in coda.

Ma Maccan dall’ospedale è finito dritto in Questura, con il suo ascesso che gli faceva vedere le stelle. «Mi hanno prelevato nella sala d’attesa del pronto soccorso odontoiatrico —racconta Maccan che ora vive con il foglio di via in tasca nascondendosi in casa di amici e parenti —. Non saprei dire chi mi ha denunciato, se il medico o la guardia giurata a cui ho chiesto indicazioni per arrivare al pronto soccorso. Sta di fatto che sono stato espulso e d’ora in poi non metterò mai più piede in un ospedale».

La direzione degli Spedali Civili respinge qualsiasi accusa e chiosa: «Nei primi tre mesi dell’anno abbiamo assistito 1.006 pazienti extracomunitari. Nessuno di questi è mai stato denunciato perché clandestino. Nel caso specifico è stata una guardia giurata a chiamare la polizia dopo che l’uomo si era rifiutato di lasciare l’ospedale». Oggi davanti all’ospedale ci sarà un sit-in di protesta dell’Associazione «Diritti per tutti».

Giuseppe Spatola
09 aprile 2009

AGGIORNAMENTO: dalla satira si scopre che:



Aggiornamenti razziali

Aggiornamento sulla vicenda di Emmanuel Bonsu Foster, cui è dedicata la vignetta pubblicata nel post precedente!

Un testimone oculare si è fatto avanti e ha confermato parte delle violenze denunciate dal ragazzo, a cui avrebbe assistito personalmente!

Intanto Maroni cerca di intimidire la donna somala che ha denunciato abusi da parte delle forze dell’ordine e rassicura tutti: in Italia non c’è emergenza razzismo

Meno male: ora mi sento davvero sollevato! Un leghista mi ha rassicurato…

Che stupidi comunisti devono essere quelli di Euronews, allora, per dedicare questo servizio (video) al nostro Paesaccio:

Diverse migliaia di persone hanno manifestato in Italia contro il razzismo, dopo la recente ondata di aggressioni contro stranieri. A Roma attorno al Colosseo sono scesi in piazza anche numerosi esponenti della comunità cinese, in segno di protesta per il pestaggio di un giovane cinese da parte di un gruppo di adolescenti.

Un episodio che preoccupa non poco, come spiegano alcuni cittadini stranieri che da tempo sono residenti nella capitale.

“Credo che Roma non sia razzista ma credo anche che sia necessario partecipare a manifestazioni come questa per evitare che nel futuro possano accadere avvenimenti come quelli di cui si parla”.

“Mi aspetto che le cose cambino e che l’Italia divenga più tollerante, come gli altri paesi”.

A Caserta, dove si è svolta la seconda manifestazione, almeno 5000 persone sono sfilate per il centro della città. Molti esponevano i nomi e le foto dei 6 africani uccisi dalla camorra a Castel Volturno.

Intanto in Campania, per fronteggiare l’impennata di violenza, sono arrivati i 500 paracadutisti inviati dal governo per dare appoggio alle forze di polizia impegnate sul territorio.

Mentre proseguono le indagini sulla strage di Castel Volturno, si va delineando sempre più l’ipotesi che nessuna delle 6 vittime africane fosse impegnata in attività criminali

FORZA pubblica…

La notizia qui

Sempre più vergogna per la mia italianità e sempre meno a mio agio in questo paese sottosviluppato.

La politica di culi, tette e manganelli sta spegnendo in me ogni desiderio (??) di lavorare in e per questo Paese…

Continuate così “politicanti di merda” (diceva Bud Spencer in un famoso film)… ne resteranno pochi a pagarvi gli stipendi!

Purtroppo!