Spezziamo le catene ;)


Join our campaign against e-mail chains

Join our campaign against e-mail chains

Catena di sant’Antonio

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Una catena di sant’Antonio è un sistema per propagare un messaggio inducendo il destinatario a produrne copie da spedire, a propria volta, a nuovi destinatari. È considerato un tipo di meme.[1]sistemi piramidali che promettono un veloce arricchimento e l’uso della superstizione per minacciare il destinatario con sfortuna, malocchio o anche violenza fisica o morte se “rompe la catena” e rifiuta di aderire alle condizioni poste dalla lettera. È un fenomeno propagatosi anche su Internet attraverso le e-mail, malgrado diffondere questo tipo di messaggi sia una esplicita violazione della netiquette. Tra i metodi comunemente sfruttati dalle catene di sant’Antonio vi sono storie che manipolano le emozioni,

Storia

Le catene di sant’Antonio traggono la propria origine come fenomeno che consisteva nell’inviare per posta lettere ad amici e conoscenti allo scopo di ottenere un aiuto ultraterreno in cambio di preghiere e devozione ai santi (da cui il nome italiano).[2] Negli anni cinquanta del XX secolo erano diffuse lettere che iniziavano con “Recita tre Ave Maria a Sant’Antonio” e proseguivano descrivendo le fortune capitate a chi l’aveva ricopiata e distribuita a parenti e amici e le disgrazie che avevano colpito chi invece ne aveva interrotto la diffusione. Ancor più antica è la versione che circolava durante la prima guerra mondiale sotto forma di preghiera per la pace, interpretata da ministri e funzionari di pubblica sicurezza come propaganda nemica da sopprimere.[3]

Un mezzo alternativo di diffusione delle catene era costituto dalle banconote (in particolare, in Italia, i biglietti da 1000 lire). I vantaggi risultano evidenti: la carta moneta consente di arrivare a un numero enorme di persone, evitando le spese postali. Un mezzo molto utilizzato prima dell’avvento di Internet sono state le fotocopie, che evitavano di doversi sobbarcare la fatica della trascrizione manuale, e in seguito i fax, che aggiunsero a questo vantaggio un notevole incremento nella rapidità di diffusione della catena.

In seguito anche gli SMS dei telefoni cellulari sono diventati veicolo di catene di sant’Antonio.

E-mail

Le catene di Sant’Antonio sono dunque un fenomeno che è riuscito a sopravvivere fino ad oggi ed ha visto una vera e propria esplosione grazie alla diffusione delle e-mail. Attraverso Internet è infatti possibile inoltrare la lettera ricevuta a tutti i propri conoscenti in pochi secondi.

Quella delle catene di sant’Antonio è una pratica espressamente vietata dalla netiquette ma ugualmente diffusa attraverso persone che in tal modo dimostrano, oltre alla loro ingenuità, una scarsa o nulla conoscenza del mondo dell’informatica e della rete. È sufficiente del resto che solo una piccola percentuale dei destinatari aderisca per assicurare la propagazione della catena.

Tipi di catene

Le moderne catene di Sant’Antonio sono strettamente collegate ad altri fenomeni tipici del mondo di internet, come lo spam, le “bufale” (hoax) e i cosiddetti “sistemi piramidali“.

Le catene diffuse su Internet hanno precisi temi ricorrenti:

  • la classica “lettera portafortuna”, spesso corredata da un breve testo educativo e moraleggiante
  • la richiesta di aiuto per bambini malati, cuccioli da salvare, notizie sconvolgenti da diffondere
  • la promessa di un facile e rapido arricchimento.
  • la minaccia di sfortuna o di morte

Bufale (hoax)

Nella quasi totalità dei casi i messaggi che puntano a sfruttare il lato emotivo del destinatario sono storie completamente false, inventate o riadattate. Possono essere appelli di vario tipo, da appelli umanitari ad allarmi per ipotetiche emergenze. La loro diffusione è basata sulla disattenzione dei destinatari, che non verificano con cura le informazioni riportate e, basandosi solo sulla fiducia che ripongono nella persona da cui hanno ricevuto il messaggio, lo girano immediatamente ai loro conoscenti.

Dato che è pressoché impossibile fermare una catena, anche nella minoranza dei casi in cui l’appello è genuino la catena produce dei danni. Non di rado i parenti di persone morte da tempo vengono perseguitati per anni da messaggi di persone ignare e in buona fede.[4]

Spam

Non di rado le catene di sant’Antonio che chiedono di inoltrare il messaggio ad un particolare indirizzo sono utilizzate per alimentare il fenomeno illegale dello spam. Avviando una catena di questo tipo, lo spammer può ricevere di ritorno, senza fatica, migliaia di messaggi, dai quali potrà estrarre (con l’utilizzo di appositi software) un gran numero di indirizzi e-mail validi, da rivendere a caro prezzo. Questi dati verranno utilizzati per l’invio di messaggi indesiderati pubblicitari o truffaldini.

Il fenomeno è aggravato dalla tendenza degli utenti inesperti a inoltrare il messaggio senza cancellare i dati dei destinatari precedenti o anche la propria firma e indirizzo. In questo modo per un malintenzionato è possibile risalire all’identità degli utenti, ricostruire la loro cerchia di contatti e tentare vere e proprie truffe utilizzando i metodi dell’ingegneria sociale.

Sistemi piramidali

Questi ultimi sono delle varianti delle catene di Sant’Antonio in cui chi riceve la lettera deve spedire del denaro a chi è all’inizio della catena (o al vertice della piramide). Chi spedisce le lettere spera di diventare presto “vertice” e di arricchirsi velocemente e senza fatica.

Spesso mi capita di ricevere insistenti e minacciose quanto ridicole e-mail che mi intimano di inoltrare e infastidire con messaggi non richiesti i miei amici e conoscenti.

Alcune volte capita addirittura di ricevere più volte, nell’arco di pochi minuti, lo stesso messaggio a causa del ripetuto invio da parte di amici comuni.

Dal momento che, per vocazione e professione, non credo a nessun tipo di fenomeno paranormale le stupide e primitive forme di persuasione utilizzate in tali messaggi non sortiscono su di me alcun effetto se non quello di un enorme fastidio (mentale, per il tempo perso e le sciocchezze lette, e fisico, per lo spazio occupato nella casella email).

Qualche tempo fa decisi allora di creare un’e-mail di risposta alle catene di qualsivoglia natura e indirizzarla, senza alcuna distinzione, a chiunque mi avesse recapitato una catena, nonchè agli altri malcapitati destinatari i cui indirizzi, ovviamente, sono visibili vista la stupidità/ingenuità delle persone che continuano ad alimentare questo volgare ed infantile circolo.

Tale messaggio è un pò crudo (ho semplicemente ripreso alcuni passi di varie catene che ho ricevuto in questi lunghi anni) e forse può essere ritenuto offensivo da qualcuno. Quindi, nonostante io abbia deciso di metterlo a disposizione di tutti voi, raccomando agli interessati di prestare la massima attenzione alla scelta dei destinatari! Leggetelo bene e modificatelo, se necessario, prima di inoltrarlo.

NB: ovviamente la lettera può essere migliorata. Sarei felice di ricevere suggerimenti in merito🙂

Ciao!
Se ricevi questo messaggio è perché ho ricevuto da te o da un tuo amico (che non ha mostrato alcun rispetto per la tua privacy, inviandomi in chiaro il tuo indirizzo e-mail) una stupida catena. CONTINUA A LEGGERE ALTRIMENTI TU E TUTTI I TUOI CARI SARETE COLPITI IMPROVVISAMENTE DA SFORTUNA E MALATTIE INCURABILI.

Lo sapevi che le catene, oltre ad essere delle stupide comunicazioni tra adolescenti semi-analfabeti, sono degli ottimi veicoli per gli spammer? E, tra l’altro, sono proprio gli spammer che le creano e le mettono in giro affinché degli stupidi le inoltrino ai loro “amici” augurando loro di morire entro 3 giorni o altre puttanate del genere?

Se inoltrerai anche UNA SOLA ALTRA CATENA nella tua vita SOFFRIRAI ATROCEMENTE per almeno 10 ANNI e TUTTE LE PERSONE A TE CARE saranno perseguitate da altrettanti ANNI DI GUAI E MALATTIE.

Ma non ti preoccupare: per scongiurare queste spaventose minacce, NON DEVI FARE ASSOLUTAMENTE NULLA… ti basterà crescere un po’ Usa il cervello e smetti di inoltrare inutili e fastidiose catene. Le tue relazioni sociali ne usciranno rinvigorite e avrai più tempo libero.

Senza rancore,

Firma: Nome e Cognome
PS: NON inoltrare questa e-mail: il suo scopo non è diffondere gli indirizzi e dare fastidio alla gente come per le catene. Semmai usala per rispondere al prossimo imbecille che ti inoltrerà una stupida e minacciosa catena! Oppure passala ai tuoi amici e usala per contrastare questo stupido e dannoso fenomeno rappresentato dagli spammer e dalle catene online. Ne sarei felice.
Magari ricordati di cambiare il tuo nome nella firma semplice

PPS: se proprio non resisti alla stupida tentazione di inoltrare la prossima catena che riceverai perché hai paura degli infantili anatemi in essa contenuti allora ti suggerisco alcuni spunti di riflessione:

  1. sei nel 21° secolo
  2. se studi materie scientifiche, dovresti avere un minimo di conoscenze fisiche tali da farti comprendere il difficilissimo fenomeno noto come “ASSENZA DI CORRELAZIONE TRA GLI AVVENIMENTI DESCRITTI IN UNA E-MAIL SGRAMMATICATA E GLI EVENTI CHE ACCADONO NELLA VITA REALE”
  3. se sei cattolico, stai infrangendo il primo comandamento (“non avrai altro Dio all’infuori di me”), cosa che, tra l’altro, fanno tutti quelli che adorano Ratzinger e gli altri papi.
  4. se ritieni gli altri punti trascurabili e vuoi proprio inviare la catena che hai ricevuto, allora abbi almeno il buon gusto di mandare gli indirizzi in formato nascosto (Bcc) e non come destinatari semplici!

2 risposte a “Spezziamo le catene ;)

  1. “don’t break the circle…don’t break the circle”…una canzone dei vecchi Blind Guardian…che non c’entra nulla ma mi è venuta in mente…

    che dire…ho mandarto la lettera che tu riporti sul blog a un paio di persone, sembra funzionare😉 … non ricevo catene da un po’…quindi o sono tutti in vacanza oppure si sono presi paura e non mandano più ‘ste “merdate” (perdona il francesismo, ma è un termine appropriato per queste maledette catene)🙂

    Mi piace

  2. speriamo che funzioni🙂

    in futuro elaborerò meglio il pulsante🙂
    e non abbiate paura di essere rudi: LORO sono molto più rudi di voi , quando vi augurano di morire… :S

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...